SAN GIORGIO CANAVESE - Mangiare in canavese 6.0

Mangiare in Canavese
Mangiare in Canavese
Vai ai contenuti
San Giorgio Canavese
Le sue origini sono legate alla presenta della "curtis regia", una ripartizione amministrativa dell'epoca di Carlo Magno che individuava una porzione di territorio molto importante lungo il corso del torrente Orco, il cui ricordo sopravvive nel nome della frazione Cortereggio, (probabile primo insediamento della zona). Il paese è governato per molti secoli dai Conti di Biandrate, (legati alla famiglia dei Valperga-Masino) tra conflitti e tregue: a metà del Trecento, con il rafforzarsi delle autonomie comunali, i conti concedono gli statuti, ma già verso la fine del secolo entrano in lite con la comunità e chiamano Amedeo VIII di Savoia come pacificatore. Nel 1518 il popolo si rivolta, attacca e saccheggia il castello, prima di passare definitivamente, nel 1631, sotto il dominio della casa sabauda. L'Ottocento è il vero secolo dei lumi per San Giorgio che viene soprannominata "l'Atene del Canavese" per i molti personaggi di ingegno e cultura che hanno contribuito nei secoli a dare lustro a questo piccolo, ma importante centro.

Collocato nella casa natale dello storico Carlo Botta (1766-1837), il museo illustra la vita e le attività agricole e artigianali del passato a San Giorgio Canavese (da cui il nome “le nostre radici”) con strumenti di lavoro, ricostruzioni di ambienti e abbigliamento dell'epoca.
È un'imponente raccolta di documenti della cultura materiale, tra i quali spiccano un curioso “raddrizza-corna” e due esemplari originali dell'ottocentesca macchina fonostenografica del sangiorgese Antonio Michela che, in versione aggiornata, è ancora oggi utilizzata nel parlamento italiano.
Il museo aderisce al progetto "Rete Museale AMI" che prevede una valorizzazione e promozione del patrimonio museale dell'Anfiteatro morenico d'Ivrea.

Cosa Visitare:
  • Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta;
  • Chiesa Rionale di Santa Marta, San Rocco e San Giovanni decollato;
  • Chiesa Rionale di San Felice, Santa Croce e santa Trinità;
  • Chiesa Rionale della Madonna Immacolata;
  • Cappella di Sant'Anna;
  • Cappella di San Pietro;
  • Santuario di Misobolo;
  • Palazzo Comunale;
  • Villa Malfatti;
  • Castello.


Tratto da:



Ristorante Delfino
Via Circonvallazione, 36B
10090 San Giorgio Canavese TO
Tel. 0124 325415

La Mandragola
Via Dante Alighieri, 3
10090 San Giorgio Canavese TO
Tel. 0124 450806
Foresteria Del Castello
hotel
Via B. Biandrate 31
10090 San Giorgio Canavese

Via Michele Chiesa, 12
Tel. 0124 32386

Azienda Agricola Cieck ss
Cascina Castagnola, 2
10090 San Giorgio Canavese (TO)
Tel./Fax: +39 0124 330522
Torna ai contenuti